• Congressi
  • by Cristiana Ubaldi
  • 28 Settembre 2023
  • 0

Ricerca scientifica, coinvolgimento dei giovani professionisti e confronto costruttivo sui temi più dibattuti della Medicina della Riproduzione, è stato il filo conduttore del “Focus Sifes” che si è tenuto il 28 settembre a Milano.

Ad aprire i lavori insieme ai Presidenti delle società scientifiche SIFES e SIGO, il Direttore scientifico del gruppo Genera Filippo Maria Ubaldi intervenuto anche alla Tavola Rotonda incentrata sulla presentazione, da parte della Dr.ssa Maria Rosaria Campitiello, degli interventi in atto dal Ministero della Salute che spaziano dalle nuove linee guida sulla PMA, ai nuovi LEA (Livelli Essenziali di Assistenza), all’istituzione del tavolo tecnico di esperti sugli stili di vita e infertilità, all’importanza della preservazione della fertilità, al destino degli embrioni crioconservati e alle criticità esistenti sull’ovodonazione.

Durante il congresso è stato presentato l’“Opinion paper Group”, un gruppo di lavoro scientifico con lo scopo di approfondire alcuni temi importanti come la vitrificazione ovocitaria per social freezing oppure come affrontare e limitare il problema tra embrioni sovrannumerari ed embrioni abbandonati, solo per citarne qualcuno. Sono intervenuti a spiegare l’importanza di questo gruppo alcuni dei partecipanti: il Coordinatore Medico Scientifico del centro Genera Roma Alberto Vaiarelli e il Responsabile Ricerca e Sviluppo del gruppo Genera Danilo Cimadomo.

Ma il fulcro del Focus Sifes sono state le presentazioni delle comunicazioni orale da parte di giovani ginecologi ed embriologi tra i quali la ginecologa del centro Genera Roma Erika Pittana (che ha presentato uno studio sull’utilizzo del progesterone per inibire il picco di LH endogeno durante la stimolazione ormonale nei cicli Duostim con PGT-A) e le embriologhe dei centri Genera Napoli e Genera Roma Simona Alfano, Gaia Saturno e Marilena Taggi che hanno invece esposto studi riguardanti la valutazione delle blastocisti mediante l’analisi delle loro caratteristiche morfocinetiche anche attraverso l’utilizzo dell’ intelligenza artificiale, e sull’impatto della vitrificazione ovocitaria sugli esiti embriologici e clinici in cicli di PGT-A.

PROGRAMMA

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *